Gli Askos – Le ampolle nuragiche

L’azienda GOSTOLAI, nell’ottica del recupero della storia e delle tradizioni legate al mondo enoico della Sardegna, cerca di riportare alla luce, nel senso di divulgarne la conoscenza e l’uso, gli antichissimi ASKOS.

Gli askos erano dei contenitori rinvenuti in numerosi siti nuragici, in tutta la Sardegna, dall’età del bronzo finale all’età  del ferro (XI-VIII sec. a.C.).

Accanto alle classiche forme a becco, si presentano in fogge globulari, talvolta a ciambella, in ceramica o bronzo, ma sempre di originale e squisita fattura.

Gli askos traggono origine dall’otre in pelle e vengono utilizzati per contenere sostanze di pregio come vino e olio. Queste brocche askoidi, così diffuse nella cultura nuragica, vengono imitate ed adottate nella cultura Villanoviana prima e nella cultura Etrusca poi, nella penisola italiana.

Di simili e comunque di sicura origine sarda ne sono state trovate recentemente a Cnosso a Creta, a Cadige in Spagna, nello strato prefenicio a Cartagine in Africa.

Questi originali e pregevolissimi contenitori, testimonianza di quanto l’inimitabile civiltà  Nuragica abbia potuto creare nella sua storia millenaria, sono anche una prova dell’importanza che il vino ha avuto per i nostri antichissimi progenitori, che erano arrivati a rapire DIONISO, il Dio del vino, per accaparrarsene i servizi.

Così almeno sembra testimoniare una ceramica risalente al IV sec. a.C., che secondo la TEOGONIA di ESIODO (che parla dell’origine degli Dei), riproduce appunto i navigatori-pirati TIRRENI o THIRSENOI (ovvero costruttori di torri – i nuraghi), che hanno rapito e legato all’albero della nave il Dio, il quale trasforma l’albero in una pianta di vite da cui pendono grappoli e tralci.

Dioniso trasforma poi i suoi rapitori in delfini, ma ormai la vite era stata portata in Sardegna.

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. More Info | Close